Chi Sono

Ho 45 anni, sono nato a Cagliari e ho sempre vissuto nel quartiere di Villanova.

Nel 1999 mi sono laureto presso l’Ateneo di Cagliari in Ingegneria Civile e, da allora, svolgo la libera professione. Profondamente innamorato della Sardegna e di Cagliari in particolare, sin da ragazzo ho sempre sognato di poter aver l’occasione di contribuire al miglioramento della mia città.

Nel 2006 ho iniziato la mia attività politica cittadina, partendo dalla circoscrizione N°1 Centro Storico dove vivo e ho la mia attività professionale.

Nel 2011 sono stato eletto Consigliere Comunale e ho ricoperto il ruolo di Presidente della Commissione Trasporti.

Nel 2016 sono stato confermato con più di 1000 preferenze e votato all’unanimità Presidente del Consiglio Comunale.

Nel 2019 sono stato rieletto in Consiglio Comunale con 847 preferenze.

Cosa ho fatto in Consiglio Comunale dal 2011 al 2016

Nel 2011 vengo eletto in Consiglio Comunale con 540 voti.

Ho svolto il ruolo di Presidente della commissione Trasporti contribuendo agli ottimi risultati ottenuti in termini di qualità dello spazio pubblico, sicurezza stradale, efficienza del trasporto pubblico, mobilità sostenibile
e sharing mobility.

Inoltre ho promosso l’istituzione dei parcheggi rosa per le donne incinta e i neogenitori, la realizzazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, l’istituzione di nuove aree pedonali, la realizzazione di un centro di distribuzione delle merci, la realizzazione del centro intermodale di piazza Matteotti, l’ampliamento del percorso della metropolitana, il progetto pedibus per l’accompagnamento dei bambini a scuola, l’istituzione di linee di bus notturni, etc.

Da Presidente della commissione ho presentato e portato in approvazione dal Consiglio Comunale 14 mozioni, 9 ordini del giorno e 1 proposta di deliberazione.

Cagliari. comune di Cagliari, il lungomare Poetto pedonalizzato

Cosa ho fatto da Presidente del Consiglio Comunale

Nel 2016 vengo eletto con 1002 voti in Consiglio Comunale e all’unanimità Presidente del Consiglio Comunale dall’assemblea.

Ho interpretato il mio ruolo garantendo a tutte le parti politiche il massimo ascolto e favorendo l’apertura alle buone idee di tutti. Il Municipio è diventato uno spazio dove ricordare personaggi illustri della storia della nostra città e dove dare il giusto merito alle donne e agli uomini che si impegnano nel quotidiano per migliorarla. Le porte del Palazzo Civico sono state aperte alle scuole affinchè le nuove generazioni potessero avvicinarsi al Comune, l’istituzione, che nasce per essere quella più prossima ai cittadini.

In tal senso ho realizzato un opuscolo rivolto ai ragazzi delle scuole per illustrare il funzionamento degli organi del comune.

Mi sono, inoltre, fatto promotore dell’istituzione del Consiglio Comunale dei bambini e delle bambine. Servizio, inteso, non come imitazione del Consiglio “degli adulti”,ma pensato con l’ obiettivo di creare un organismo in cui i bambini sviluppino il senso civico, diventando portavoce dei loro interessi e confrontandosi tra di loro e con gli adulti, e che possa contribuire al miglior governo della città, rendendola più adatta alle esigenze dei più piccoli.

Attraverso il mio ruolo ho avuto modo di incontrare amministratori di altre regioni di Italia e del mondo, di confrontrare le nostre esperienze e di portare le criticità della nostra isola all’attenzione degli organi politici nazionali.